domenica, Luglio 14, 2024
ApprofondimentiIn EvidenzaIstituzioni europeePriorità UE

Cosa succede dopo le elezioni per il Parlamento europeo?

Le elezioni europee del 6 e 9 giugno 2024 aprono il prossimo capitolo per l’Unione europea. I deputati neoeletti al Parlamento europeo adotteranno una serie di decisioni fondamentali su chi guiderà le istituzioni dell’Ue e riprenderanno il lavoro del Parlamento di adottare leggi e controllare che la Commissione europea e gli altri organi dell’Ue rendano conto delle loro azioni.

Quali saranno i primi compiti del nuovo Parlamento europeo?

La prima tornata della nuova legislatura si terrà dal 16 al 19 luglio a Strasburgo. Prima della tornata, i deputati neoeletti costituiranno i gruppi politici sulla base di idee politiche condivise. In occasione della prima plenaria, il Parlamento eleggerà il suo nuovo Presidente, i vicepresidenti e i questori e deciderà quanti deputati comporranno ciascuna commissione parlamentare. In una fase successiva, i deputati voteranno per eleggere un nuovo presidente della Commissione europea. Poi valuteranno i candidati alla carica di commissario attraverso audizioni pubbliche. La nuova Commissione dovrà ottenere l’approvazione del Parlamento in una votazione in Aula per assumere le sue funzioni. Nel frattempo, i deputati al Parlamento europeo riprenderanno l’esame e la modifica della legislazione, il controllo sul lavoro delle altre istituzioni dell’UE e le discussioni su questioni di attualità.

Come e quando si formano i gruppi politici al Parlamento europeo?

I deputati al Parlamento europeo non siedono nell’Emiciclo a seconda della nazionalità. La maggior parte di essi aderisce a gruppi politici che condividono valori e obiettivi politici simili. I gruppi politici saranno costituiti nelle settimane successive alle elezioni. Un gruppo politico deve essere composto da almeno 23 deputati al Parlamento europeo provenienti da sette paesi dell’Ue. Un deputato non può aderire a più gruppi politici, ma, in alternativa, può scegliere di non aderire a nessun gruppo e di essere “non iscritto”. In qualsiasi momento della legislatura possono essere creati nuovi gruppi.

Come viene eletto il Presidente del Parlamento europeo?

L’elezione di un nuovo Presidente del Parlamento europeo è il primo compito dei deputati al Parlamento europeo quando si riuniscono in Aula per la prima volta a luglio. I deputati eleggono il Presidente per un mandato di due anni e mezzo (ossia metà della legislatura), rinnovabile. Le candidature possono essere presentate da un gruppo politico o da un gruppo di deputati al Parlamento europeo che rappresenta almeno un ventesimo di tutti i deputati (36 deputati). Il voto è segreto. Il candidato che ottiene la maggioranza assoluta dei voti espressi diventa Presidente. Se nessun candidato ottiene la maggioranza assoluta dopo tre scrutini, i deputati al Parlamento europeo scelgono al quarto scrutinio tra i due candidati che hanno ottenuto il maggior numero dei voti al terzo scrutinio.

Come vengono eletti i vicepresidenti e i questori del Parlamento?

Dopo l’elezione del Presidente dell’istituzione, il Parlamento procede all’elezione dei vicepresidenti, seguita dall’elezione dei questori. I vicepresidenti e i questori sono eletti per un mandato di due anni e mezzo, come il Presidente. Le candidature possono essere presentate da un gruppo politico o da un gruppo di deputati al Parlamento europeo che rappresenta almeno un ventesimo di tutti i deputati (36 deputati). Il voto è segreto e la votazione si svolge simultaneamente per tutti i candidati. Ciascun deputato può esprimere un numero di voti pari a quello dei posti disponibili. I candidati che hanno ottenuto la maggioranza assoluta dei voti espressi sono eletti nell’ordine numerico dei voti riportati. Se al primo scrutinio sono eletti meno di 14 candidati, si procede a un secondo scrutinio, con le stesse modalità. Se è necessario un terzo turno di votazioni, i restanti candidati che ottengono il maggior numero di voti occupano i seggi che rimangono da attribuire. I cinque questori sono eletti seguendo la stessa procedura.

Come viene eletto il presidente della Commissione europea?

Uno dei primi compiti del nuovo Parlamento è eleggere il presidente della Commissione europea. Il candidato proposto dai leader dell’Ue in sede di Consiglio europeo è invitato a fare una dichiarazione dinanzi ai deputati al Parlamento europeo e a partecipare a un dibattito in Aula. Poi i deputati al Parlamento europeo procedono a una votazione a scrutinio segreto. Per ottenere l’approvazione del Parlamento, il candidato deve ricevere il sostegno di almeno la metà di tutti i deputati al Parlamento europeo più uno. Se il candidato non ottiene la maggioranza richiesta, il Consiglio europeo deve proporre un altro candidato.

Chi suggerisce la composizione della Commissione europea?

Una volta eletto, il presidente della Commissione europea seleziona i commissari designati sulla base delle nomine di ciascun paese dell’UE e assegna loro i diversi portafogli politici. Ogni paese dell’Ue ha un commissario.

Come valuta il Parlamento europeo se i candidati alla carica di commissario sono idonei?

Il Parlamento europeo invita i commissari designati ad audizioni pubbliche per stabilire se sono idonei all’incarico che intendono ricoprire. Prima di ogni audizione, la commissione giuridica del Parlamento esamina la dichiarazione di interessi del candidato. Le audizioni sono organizzate dalle rispettive commissioni parlamentari e sono trasmesse in diretta streaming. I candidati rispondono alle domande scritte prima della riunione, presentano una breve introduzione all’inizio dell’audizione e, successivamente, rispondono alle interrogazioni orali dei deputati al Parlamento europeo. Dopo la riunione, i presidenti delle commissioni interessate e i rappresentanti dei gruppi politici si riuniscono per valutare le prestazioni dei candidati. Se non sono pienamente soddisfatti di un candidato, possono decidere di porre ulteriori domande scritte per richiedere risposte complementari o di invitare il candidato a un’altra audizione. Successivamente preparano una lettera di valutazione che viene trasmessa ai presidenti di commissione e poi al Presidente del Parlamento e ai leader dei gruppi politici. I candidati che non ottengono una valutazione positiva dalle commissioni possono ritirarsi ed essere sostituiti da altri, selezionati nuovamente dal presidente della Commissione su proposta dei rispettivi paesi dell’UE. I nuovi candidati partecipano anch’essi a un’audizione dinanzi al Parlamento. Il Presidente del Parlamento e i leader dei gruppi politici analizzano il processo e le lettere di valutazione e, su raccomandazione dei presidenti di commissione, possono decidere di chiudere il processo di audizione.

Come viene approvata la Commissione europea?

Dopo la conclusione delle audizioni, il Parlamento tiene una discussione in Aula in cui il presidente della Commissione presenta l’intera squadra di commissari e le sue priorità politiche. Il presidente eletto della Commissione presenta l’intera squadra dei commissari designati e il loro programma in una seduta del Parlamento. La presentazione è seguita da una discussione. Il Parlamento vota sull’opportunità di dare o meno la sua approvazione alla nomina, come organo, del presidente eletto e dei commissari designati. La decisione è adottata a maggioranza dei voti espressi.

Fonte: https://elections.europa.eu/it/after-the-elections/