Eletto il presidente del Parlamento europeo

Cosa succede dopo il voto?
Le nomine, il primo impegno del nuovo Parlamento europeo

Martedì 2 luglio alle ore 10.00, a Strasburgo, ha preso avvio la nuova legislatura con l’elezione del nuovo Presidente del Parlamento europeo. Una nomina che dà il via al processo di rinnovamento di tutte le maggiori cariche della UE sulla base, anche, dei risultati delle elezioni europee del 23-26 maggio a cui hanno partecipato più di 200 milioni di cittadini.

Come viene eletto il Presidente del Parlamento europeo?

La prima sessione plenaria è presieduta dal Presidente uscente, Antonio Tajani (PPE, IT), che dà il via alla votazione per la nomina del suo successore.
All’investitura di Presidente può presentarsi ogni deputato appoggiato da un gruppo politico o da una ventesima parte della Camera (38 deputati). La votazione avviene con votazione segreta da parte dei membri del Parlamento.
Il nuovo Presidente ha bisogno della maggioranza assoluta dei voti per essere eletto, ossia di 376 suffragi, se questa non viene raggiunta si può ripetere il voto con le medesime regole in altre due occasioni.
Se dopo il terzo turno nessun candidato ha raggiunto la maggioranza assoluta, i due candidati più votati nell’ultima votazione si confronteranno in un quarto turno, in cui sarà sufficiente la maggioranza semplice dei presenti.

Una volta eletto, il Presidente può fare delle dichiarazioni e quindi presiedere il resto della sessione in cui si dovranno eleggere i 14 vicepresidenti e i 5 questori. In questo caso ogni eurodeputato dovrà consegnare una scheda con un minimo di oltre la metà dei posti da assegnare e come massimo il numero totale degli stessi posti (ossia, al primo voto in cui si assegnano 14 vicepresidenze dovranno essere espresse tra le 8 e le 14 preferenze).
I candidati hanno bisogno della maggioranza assoluta per essere eletti, se non tutte le vicepresidenze vengono assegnate al primo turno, si procederà ad un secondo turno e, infine, ad un terzo, in quest’ultima occasione basterà la maggioranza semplice per l’elezione.

Martedì 2 luglio, il Presidente uscente Antonio Tajani ha dato avvio alla votazione. In serata sono stati quattro i candidati proposti.

CanditatiPresidnetePE

La votazione del nuovo Presidente ha preso avvio mercoledì 3 luglio. Al primo turno delle votazioni nessuno dei candidati ha raggiunto la maggioranza assoluta dei voti espressi necessaria (332).
Risultati del primo turno:
Ska KELLER (Verdi/ALE, AT) – 133
Sira REGO (GUE/SE, ES) – 42
David SASSOLI (S&D, IT) – 325
Jan ZAHRADIL (ECR, CZ) – 162

Ha quindi preso avvio il secondo turno che ha visto vincitore l’italiano David SASSOLI con 345 preferenze.
Risultati secondo turno
maggioranza assoluta dei voti espressi necessaria – 332
Ska KELLER (Verdi/ALE, AT) – 119
Sira REGO (GUE/SE, ES) – 43
David SASSOLI (S&D, IT) – 345
Jan ZAHRADIL (ECR, CZ) – 160

Il Presidente David Sassoli resterà in carica per due anni e mezzo.

Fonte: http://www.europarl.europa.eu