COVID-19: la Commissione presenta orientamenti relativi alle gestione delle frontiere

Il 16 marzo la Commissione ha presentato alcuni orientamenti per gli Stati membri relativi alle misure per la gestione delle frontiere nel quadro dell’emergenza COVID-19, con l’obiettivo di tutelare la salute dei cittadini, garantire un trattamento adeguato delle persone che hanno necessità di viaggiare e assicurare la disponibilità di beni e servizi essenziali.

Tutelare la salute delle persone
Le persone che si ritiene costituiscano un rischio di diffusione del COVID-19 dovrebbero avere accesso a un’adeguata assistenza sanitaria nel paese di arrivo o nel paese di partenza, in coordinamento tra i due.
È possibile sottoporre tutti coloro che entrano nel territorio nazionale a controlli sanitari senza introdurre formalmente controlli alle frontiere interne. La differenza tra i normali controlli sanitari e i controlli alle frontiere è la possibilità di negare l’ingresso a singole persone. Alle persone malate non dovrebbe essere negato l’ingresso, ma dovrebbe essere garantito l’accesso all’assistenza sanitaria.
Gli Stati membri possono ripristinare i controlli alle frontiere interne per motivi di ordine pubblico che, in situazioni di criticità estrema, possono includere la salute pubblica. Tali controlli devono essere organizzati in modo da evitare gli assembramenti (ad es. le code), che rischiano di aumentare la diffusione del virus. Gli Stati membri dovrebbero coordinarsi per eseguire lo screening sanitario soltanto da un lato della frontiera.
L’introduzione dei controlli alle frontiere dovrebbe essere proporzionata e tenere debitamente conto della salute delle persone. Gli Stati membri devono sempre ammettere i propri cittadini e residenti e devono agevolare il transito degli altri cittadini dell’UE e dei residenti che rientrano a casa. Possono tuttavia adottare misure come l’obbligo di un periodo di autoisolamento, se le impongono anche ai propri cittadini.
Gli Stati membri devono agevolare l’attraversamento dei lavoratori frontalieri, in particolare, ma non solo, di coloro che lavorano nel settore dell’assistenza sanitaria, nel settore alimentare e in altri servizi essenziali (ad es. assistenza ai bambini e agli anziani, personale critico dei servizi di pubblica utilità).

Garantire il flusso di beni e servizi essenziali
La libera circolazione delle merci è fondamentale per garantirne la disponibilità. Ciò è particolarmente importante per beni essenziali quali gli alimenti, compreso il bestiame, e i dispositivi medici e di protezione vitali. Più in generale, le misure di controllo non devono causare gravi perturbazioni delle catene di approvvigionamento, dei servizi essenziali di interesse generale, delle economie nazionali e dell’economia dell’UE. Gli Stati membri dovrebbero designare corsie preferenziali per il trasporto merci (ad esempio tramite le “corsie verdi”).
Nello stesso spirito, la circolazione sicura dei lavoratori del settore dei trasporti, compresi gli autotrasportatori, i macchinisti, i piloti e il personale di volo, è un fattore chiave per garantire una circolazione adeguata delle merci e del personale essenziale.
Non si devono richiedere ulteriori certificazioni sui prodotti che circolano legalmente nel mercato unico dell’UE. Secondo l’Autorità europea per la sicurezza alimentare, non vi sono prove che gli alimenti siano una fonte o una fonte di trasmissione del COVID-19.

Per maggiori informazioni
Orientamenti relativi alle misure per la gestione delle frontiere destinate a tutelare la salute e garantire la disponibilità di beni e servizi essenziali

Ultimo aggiornamento: