Il 30 giugno è stato l’ultimo giorno di presidenza Bulgara del consiglio dell’Unione europea. La formazione del trio rimarrà la stessa ovvero Estonia, Bulgaria e Austria ma nei prossimi sei mesi il trio sarà capitanato dall’Austria che lo manterrà fino a fine dicembre 2018.

Le priorità della presidenza austriaca sono ispirate al motto “Un’Europa che protegge”.
Il programma della presidenza pone l’accento sulle questioni relative ad asilo e migrazione, sulla protezione delle frontiere esterne, sulla lotta alla radicalizzazione, al terrorismo e alla criminalità organizzata, sulla sicurezza digitale e sulla protezione dei valori europei.

Circa 300 eventi si svolgeranno in Austria durante la sua presidenza; questi vanno da riunioni ministeriali informali e conferenze tecniche a riunioni di esperti ed eventi culturali.

I compiti della presidenza

La presidenza ha il compito di portare avanti i lavori del Consiglio sulla normativa dell’Unione europea, garantendo la continuità dell’agenda dell’UE, il corretto svolgimento dei processi legislativi e la cooperazione tra gli Stati membri. A tal fine, la presidenza deve agire come un mediatore leale e neutrale.

La presidenza ha due compiti principali:

1. Pianificare e presiedere le sessioni del Consiglio e le riunioni dei suoi organi preparatori

La presidenza presiede le sessioni delle varie formazioni del Consiglio (ad eccezione del Consiglio “Affari esteri”) e le riunioni dei suoi organi preparatori, che comprendono comitati permanenti, come il Comitato dei rappresentanti permanenti (Coreper), e i gruppi e comitati che si occupano di temi specifici.

La presidenza assicura il regolare svolgimento dei dibattiti e la corretta applicazione del regolamento interno e dei metodi di lavoro del Consiglio.

Organizza inoltre varie sessioni formali e informali a Bruxelles e nel paese che esercita la presidenza a rotazione.

2. Rappresentare il Consiglio nelle relazioni con le altre istituzioni dell’UE

La presidenza rappresenta il Consiglio nelle relazioni con le altre istituzioni dell’UE, in particolare con la Commissione e il Parlamento europeo. Il suo ruolo è adoperarsi per raggiungere un accordo sui fascicoli legislativi attraverso triloghi, riunioni informali di negoziazione e riunioni del comitato di conciliazione.

La presidenza lavora in stretto coordinamento con:

Ne sostiene i lavori e può talvolta essere invitata a svolgere determinate mansioni per conto dell’alto rappresentante, come rappresentare il Consiglio “Affari esteri” dinanzi al Parlamento europeo o presiedere il Consiglio “Affari esteri” quando quest’ultimo discute questioni di politica commerciale.

Portale della presidenza per gli eventi informali (PPI)

La presidenza austriaca del Consiglio dell’UE è la prima Presidenza a utilizzare il portale della presidenza per gli eventi informali (PPI). Questo strumento di facile utilizzo fornisce ai delegati tutti i documenti necessari (ordine del giorno, informazioni pratiche, documenti di sessione, foto ecc.) Per riunioni informali tenute sotto la Presidenza austriaca. Il portale è un importante contributo alla sostenibilità e un passo significativo verso la futura e-presidenza. Sarà utilizzato da tutte le future presidenze del Consiglio.

Sito ufficiale della presidenza austriaca:   https://www.eu2018.at/
Sito del Portale della presidenza: https://presidencyportalinformal.consilium.europa.eu/