A metà febbraio la Commissione ha pubblicato nuovi orientamenti per garaUEaiutare i funzionari nazionali, regionali e locali che gestiscono i fondi UE ad assicurare procedure di gara efficienti e trasparenti per i progetti finanziati dall’Unione.

Gli orientamenti, presto disponibili in tutte le lingue, riguardano tutte le fasi della procedura, dalla preparazione e pubblicazione del bando, alla selezione e valutazione delle offerte, all’esecuzione del contratto. Per ogni fase, gli orientamenti includono consigli su come evitare gli errori, buone pratiche e link e modelli utili. Spiegano inoltre come sfruttare appieno le opportunità offerte dalle direttive rivedute sugli appalti pubblici del 2014, quali la riduzione della burocrazia e l’aumento delle procedure online per agevolare la partecipazione delle piccole imprese alle gare d’appalto pubbliche o l’introduzione di nuovi criteri nella decisione di aggiudicazione per scegliere le imprese socialmente responsabili e i prodotti innovativi e rispettosi dell’ambiente. Gli orientamenti si possono rivelare utili anche in ambiti diversi dai fondi UE.

Nel periodo di finanziamento 2014-2020, i Fondi strutturali e d’investimento europei (SIE) trasferiranno oltre 450 miliardi di euro all’economia reale dell’UE, metà dei quali investiti tramite appalti pubblici.

Un’infografica sugli orientamenti e maggiori informazioni sulle azioni della Commissione per aiutare gli Stati membri a migliorare le modalità di gestione e investimento dei fondi UE sono disponibili online.

Fonte testo e immagine: Rappresentanza in Italia della Commissione europea